Archivi categoria: vivibilità

MA QUALI TAGLI DELLA POLITICA, ECCO I CINQUE VITALIZI DEI MANTENUTI A VITA MOLFETTESI

f3e0587b57
http://www.liradeltacco.it

La cifra monetaria è strepitosa: 11.248.417,62 euro relativa al periodo dal  1° gennaio 2011 al  30 novembre 2011.
Soldi impegnati dal Consiglio regionale pugliese per pagare l'assegno vitalizio in favore degli ex consiglieri regionali, compresi i familiari del consigliere deceduto.
Gli ex consiglieri sono 134, gli assegni di reversibilità 38. Ecco  nomi e cognomi, il numero della Legislatura, il compenso mensile lordo.

Buona lettura.
 

PROSPETTO ASSEGNO VITALIZIO MENSILE EX CONSIGLIERI REGIONALI ANNO 2011

1 ABBATI GIUSEPPE Ex-Consigliere €7.498,83

2 ADDUCI FRANCESCO Ex-Consigliere €3.508,99

3 AFFATATO GIUSEPPE Ex-Consigliere €8.306,40

4 ALBANO DOMENICO Ex-Consigliere €3.699,11

5 ALOISI VITO LEONARDO Ex-Consigliere € 7.844,94

6 ANGIULI VITO Ex-Consigliere €7.498,83

7ANNESE MARIO Ex-Consigliere €10.383,00

8 ARMENISE NICOLA Ex-Consigliere €7.498,83

9 ATTANASIO TOMMASO Ex-Consigliere €7.498,83

10 BALDASSARRE GAETANO Ex-Consigliere €5.999,07

11 BELARDI RAFFAELE Ex-Consigliere €7.498,83

12 BELLIFEMINE DOMENICO Ex-Consigliere €3.508,99 – Molfetta

13 BELLOMO MICHELE Ex-Consigliere €10.383,00

14 BIANCO STEFANO Ex-Consigliere €5.076,14

15 BORGIA FRANCESCO Ex-Consigliere €7.844,94

16 BORTONE GIORGIO Ex-Consigliere € 10.383,00

17 BRUNO ANTONIO Ex-Consigliere € 7.498,83

18 CALVARIO PASQUALE Ex-Consigliere €10.383,00

19 CAMILLI FABRIZIO Ex-Consigliere €7.498,83

20 CARAMIA GIUSEPPINA Ex-Consigliere €3.508,99

21 CARBONELLI ANNA MARIA Ex-Consigliere €4.123,67

22 CAROPPO LUIGI Ex-Consigliere €7.498,83

23 CARRIERI MARIO Ex-Consigliere €4.614,66

24 CARUSO VINCENZO Ex-Consigliere €3.508,99

25 CAVALLO ANTONIO Ex-Consigliere €3.508,99

26 CIOCE GIUSEPPE Ex-Consigliere €4.123,67

27 CIOCIA GRAZIANO Ex-Consigliere € 5.360,77

28 CIUFFREDA PASQUALE Ex-Consigliere €10.383,00

29 COLAMONACO MARIA Ex-Consigliere €7.498,83

30 COLANGELO SABINO Ex-Consigliere €7.498,83

31 COLASANTO ANGELO DOMENICO Ex-Consigliere €3.508,99

32 COLOGNO MICHELE Ex-Consigliere €3.508,99

33 CONSIGLIO GABRIELE Ex-Consigliere L_ 1 €7.498,83

34 CONVERTINO COSIMO Ex-Consigliere €10.383,00

35 COPERTINO GIOVANNI Ex-Consigliere €10.383,00

36 CROCCO ANTONIO Ex-Consigliere €7.498,83

37 D'ALENA FEDELE CARMINE Ex-Consigliere €4.614,66

38 D'ANDREA NICOLA Ex-Consigliere €4.614,66

39 DE CRISTOFARO MARIO Ex-Consigliere €10.383,00

40 DE LUCIA FRANCESCO Ex-Consigliere €4.614,66

41 DE SANTIS CARLO GIUSEPPE Ex-Consigliere €4.614,66

42 DELL'AQUILA ANTONIO Ex-Consigliere €7.498,83

43 DI CAGNO NICOLA Ex-Consigliere €7.498,83

44 DI GIOIA PASQUALE Ex-Consigliere € 8.075,67 – Molfetta

45 DI GIUSEPPE COSIMO DAMIANO FRANCESCO Ex-Consigliere € 7.844,94

46 DIDONNA GIUSEPPE Ex-Consigliere € 3.508,99

47 DIPIETRANGELO CARMINE Ex-Consigliere €10.383,00

48 DIRODI NICOLA Ex-Consigliere € 3.508,99

49 ERRICO ENRICA Ex-Consigliere €3.508,99

50 FERLICCHIA LUIGI Ex-Consigliere € 3.508,99

51 FESTINANTE LUIGI Ex-Consigliere €10.383,00

52 FIORE ALESSANDRO Ex-Consigliere € 7.498,83 – Molfetta

53 FIORENTINO NUNZIATA Ex-Consigliere €4.069,03

54 FORTUNATO LORIS Ex-Consigliere € 7.498,83

55 FRISULLO ALESSANDRO Ex-Consigliere €10.383,00

56 FUSILLO NICOLA Ex-Consigliere €4.069,03

57 GALASSO MATTEO Ex-Consigliere €3.508,99

58 GIAMPAOLO STEFANO Ex-Consigliere €4.614,66

59 GROSSO ANTONIO Ex-Consigliere €4.359,94

60 GUALTIERI GUALTIERO Ex-Consigliere €4.614,66

61 IAFRATE ZENONE Ex-Consigliere €4.614,66

62 LIA CESARE Ex-Consigliere € 8.075,67

63 LIUZZI FRANCESCO PAOLO Ex-Consigliere € 8.767,87

64 LOMELO DOMENICO Ex-Consigliere € 8.767,87

65 LOPERFIDO LUIGI Ex-Consigliere € 7.498,83

66 MACRI" CAMILLO Ex-Consigliere € 7.498,83

67 MADARO CARLO Ex-Consigliere €4.123,67

68 MAFFIONE LEONARDO Ex-Consigliere €4.614,66

69 MAGARELLI PANTALEO Ex-Consigliere €3.508,99

70 MANNI PIETRO Ex-Consigliere €4.614,66

71 MANSUETO NICOLA Ex-Consigliere € 3.508,99

72 MARGIOTTA GIOVANNI Ex-Consigliere € 7.498,83

73 MARIELLA VITO Ex-Consigliere € 3.508,99

74 MARMO GIUSEPPINA Ex-Consigliere € 3.904,00

75 MARROCCOLI TOMMASO Ex-Consigliere € 8.306,40

76 MARTELLOTTA GIUSEPPE Ex-Consigliere € 10.383,00

77 MARZO CORRADINO Ex-Consigliere €7.498,83

78 MASSAFRA ISABELLA Ex-Consigliere €6.103,91

79 MINCUZZI MATTIA Ex-Consigliere €7.498,83

80 MINEO LUCIANO Ex-Consigliere €10.383,00

81 MINISCHETTI LUIGI Ex-Consigliere €4.123,67

82 MITA PIETRO Ex-Consigliere €4.614,66

83 MONGIELLO SALVATORE Ex-Consigliere €3.699,11

84 ORLANDO VITO ORONZO Ex-Consigliere €3.508,99

85 PANICO PASQUALE Ex-Consigliere €7.498,83

86 PAOLUCCI ROBERTO Ex-Consigliere €10.383,00

87 PEPE PIETRO Ex-Consigliere € 8.767,87

88 PEZZUTO MARCO Ex-Consigliere €4.359,94 I

89 PICCIGALLO BENITO Ex-Consigliere €10.383,00

90 PICCOLO FRANCESCO RAFFAELE Ex-Consigliere €3.508,99

91 PIROLO FRANCESCO Ex-Consigliere € 3.904,00

92 PIZZICOLI MICHELE Ex-Consigliere €7.498,83

93 POTI' VITTORIO Ex-Consigliere €8.767,87

94 POVIA SERGIO Ex-Consigliere €3.699,11

95 PRINCIGALLI GIACOMO Ex-Consigliere €7.498,83

96 PUGLIESE GIROLAMO Ex-Consigliere € 7.498,83

97 QUARTA NICOLA Ex-Consigliere €8.306,40

98 RINALDI ROSARIO Ex-Consigliere €4.614,66

99 ROLLO MARCELLO Ex-Consigliere €7.498,83

100 ROMANO DOMENICO Ex-Consigliere € 8.306,40

101 ROSSI ANGELO ANTONIO Ex-Consigliere €10.383,00

102 ROTOLO NICOLA Ex-Consigliere €7.498,83

103 RUOCCO ROBERTO Ex-Consigliere €10.383,00

104 RUSSO ENZO Ex-Consigliere € 7.498,83

105 SABATO GIOVANNI Ex-Consigliere € 3.508,99

106 SALAMINO ANGELO Ex-Consigliere €4.359,94

107 SALINARI DONATO Ex-Consigliere €4.684,81

108 SANNICANDRO EMANUELE Ex-Consigliere €3.508,99

109 SANTANIELLO ENRICO Ex-Consigliere €8.767,87

110 SAPONARO FRANCESCO Ex-Consigliere €6.460,53

111 SASSO GIUSEPPE Ex-Consigliere €7.498,83

112 SAVINO VITO Ex-Consigliere €3.508,99

113 SCAMARCIO GAETANO Ex-Consigliere €4.614,66

114 SCHILARDI GIOVANNI Ex-Consigliere €3.508,99

115 SEMERARO GIUSEPPE Ex-Consigliere €4.359,94

116 SGOBIO COSIMO GIUSEPPE Ex-Consigliere €4.614,66

117 SILVESTRI ANTONIO Ex-Consigliere €3.508,99

118 SIMONE MAURO Ex-Consigliere €4.294,41

119 SINISI RACHELE Ex-Consigliere € 3.904,00

120 SORICE VINCENZO Ex-Consigliere € 8.306,40

121 STANO GIULIO Ex-Consigliere €3.508,99

122 STEFANETTI ARMANDO Ex-Consigliere €7.498,83

123 STRAZZERI MARCELLO Ex-Consigliere €10.383,00

124 TAGLIENTE NICOLA Ex-Consigliere €10.383,00

125 TATEO PIETRO Ex-Consigliere €3.508,99

126 TONDO ANTONIO SALVATORE Ex-Consigliere €7.498,83

127 TRAVERSA ROBERTO Ex-Consigliere €3.508,99

128 TROCCOLI FRANCESCO Ex-Consigliere €3.508,99

129 TUNDO ROBERTO Ex-Consigliere €7.498,83

130 URSI ANTONIO Ex-Consigliere €3.508,99

131 UZZI GENNARO Ex-Consigliere €4.614,66

132 VESSIA ONOFRIO Ex-Consigliere €3.508,99

133 VISAGGIO FRANCESCO Ex-Consigliere €4.614,66 – Molfetta

134 ZINGRILLO GIUSEPPE Ex-Consigliere € 10.383,00

 

PROSPETTO ASSEGNO REVERSIBILITÀ' MENSILE ANNO 2011

 

1 ACCETTURA LUCREZIA DI GIESI MICHELE Reversibilità € 2.999,53

2 AMBRUOSI VIRGINIA CASTELLANETA GIUSEPPE Reversibilità € 5.999,07

3 BALTINI ANNA CARMELA PULLI EMILIO Reversibilità € 2.999,53

4 BUSSOLA VITTORIA CARELLA DOMENICO Reversibilità € 2.999,53

5 CAGIANO TERESA FAZIO LORENZO Reversibilità € 2.280,84

6 CARBONARA BIANCA MARIA GIAMPAOLO GIOVANNI Reversibilità € 4.874,24

7 CECI CATERINA TARSIA INCURIA ACHILLE Reversibilità € 2.999,53

8 CORBO ANTONIA DI STEFANO NICOLA Reversibilità € 2.999,53

9 D'AGNELLI ANNA SAVINA MATARRESE GIUSEPPE Reversibilità € 2.699.57

10 DE MARCO LINDA ROMEO ANTONIO Reversibilità € 3.299,48

11 DE REDDA SOFIA COLASANTO GIUSEPPE Reversibilità € 6.748,95

12 DE SANTIS TERESA GIUDITTA CLEMENTE TOMMASO Reversibilità € 4.874,24

13 DEVITIS CHIARA TARRICONE LUIGI Reversibilità € 6.748,95

14 DI NISIO MARIA ANTONIETTA TRISORIO LIUZZI GENNARO Reversibilità € 6.748,95

15 DICUONZO FRANCA AMODIO FELICE Reversibilità € 6.460,53

16 DRAGONETTI RITA LEDA FITTO SALVATORE Reversibilità € 7.475,76

17 FILIPPONIO ANGELA TATARELLA GIUSEPPE Reversibilità €4.199,35

18 GERMANO ELENA – FINOCCHIARO BENIAMINO Reversibilità € 2.999,53 – Molfetta

19 GIULIANI RINA SILVESTRI FRANCESCO Reversibilità € 3.599,43

20 IAVERNARO GRAZIA MARIA GALATONE ROCCO Reversibilità € 2.999,53

21 LANZETTA MARIA PAPAPIETRO GIOVANNI Reversibilità €4.199,35

22 LIUZZI ANNA SALA PAOLO Reversibilità € 2.999,53

23 LOPEZ LAURA MOREA LEONARDO Reversibilità € 4.874,24

24 LUPO GIOVANNA SOMMA ANTONIO Reversibilità €6.748,95

25 MAIETTA ADA MARINELLI FERNANDO Reversibilità €2.999,53

26 MASELLIS MARIA BINETTI VINCENZO Reversibilità €3.216,45

27 MORLEO MARIA TERESA ALEMANNO FRANCESCO Reversibilità €2.999,53

28 NARDONE MARIA DISTASO SALVATORE Reversibilità € 2.999,53

29 PALMIOTTI ELSA BORGIA CARLO ETTORE Reversibilità € 4.874,24

30 PIO CLEMENTINA CAPOZZA EMANUELE Reversibilità € 5.099,21

31 ROMANAZZI MARIA LUIGIA NOTARNICOLA VITO Reversibilità € 2.999,53

32 ROMANO LILIANA RIZZO MARCELLO Reversibilità € 6.748,95

33 RUSSO MARIA PIACQUADIO ANTONIO Reversibilità € 6.748,95

34 SCHIAVONE ANGELA AUGELLI RAFFAELE Reversibilità € 6.748,95

35 SIMEONE PIETRA LATANZA COSIMO Reversibilità € 2.280,84

36 SOZZO GIOVANNA RICCIATO ANTONIO Reversibilità € 2.280,84

37 TOMMASI CONCETTA APRILE LEONARDO BRIZIO Reversibilità € 6.748,95

38 ZAPPIMBULSO ROSA ANNA MASTRANGELO GIOVANNI Reversibilità €4.883,1

Regione LAZIO, tagli ai vitalizi dei consiglieri l'indennità potrebbe scattare a 65 anni

 
L'aula del Consiglio regionale


www.ilmessaggero.it

ROMA – I consiglieri regionali, quando finiscono il loro mandato, a 50 anni hanno diritto al vitalizio. Per la precisione scatta a 55 anni, ma con una lieve decurtazione possono anticipare di cinque anni. Nell’assestamento di bilancio la giunta Polverini vuole inserire una norma che prevede l’innalzamento dell’età per il vitalizio a 65 anni. Ma non per chi è consigliere regionale oggi, la norma varrebbe dalla prossima legislatura così come è già stato fatto, ad esempio, in Emilia-Romagna.

Il vertice e l’elicottero. Ieri pomeriggio si è svolto un vertice fra il presidente della Regione, Renata Polverini (che poi in elicottero ha raggiunto Rieti per la fiera del peperoncino), e i capigruppo della sua maggioranza. E’ stato fissato il calendario per i prossimi consigli regionali, con l’esigenza di approvare prima della pausa estiva due provvedimenti importanti: il piano casa e, appunto, l’assestamento di bilancio. Slitta a settembre l’esame del piano dei rifiuti. Proprio il blitz di Renata Polverini in elicottero alla fiera del peperoncino di Rieti ieri ha scatenato le polemiche. Un giornalista del quotidiano Il Fatto ha chiesto chi pagasse per l’elicottero, il presidente Polverini non ha risposto ma ha detto: «Non ho nulla da spiegare. Pago tutte le spese che faccio. Non troverai mai una cena a mio carico. L’importante è che non vado con i soldi pubblici. Non troverà alcuna spesa che mi riguarda. Studia, non fare come i tuoi colleghi della casta dei giornalisti». Il giornalista ha insistito e l’ex parlamentare Guglielmo Rositani che era con Renata Polverini ha minacciato di prenderlo a schiaffi. Duri i commenti del centrosinistra. Bonessio (Verdi): «Quale credibilità ha la Polverini quando parla di costi della politica». Foschi (Pd): «In elicottero a Rieti e neppure vuole dare spiegazioni ai cittadini. Senza vergogna». Maruccio (Idv): «Tutto questo mentre ai cittadini viene chiesto di pagare il ticket». Dal centro destra, a parte l’ex parlamentare Rositani, nessuna presa di posizione. 

Il segnale. Ieri però Renata Polverini ha voluto parlare anche della possibilità di mettere in campo dei provvedimenti per la riduzione dei costi della politica. Un segnale quanto mai necessario nei giorni in cui nel Lazio i cittadini sono chiamati a pagare 10 euro per i ticket di esami e visite specialistiche e 25 euro per i codici bianchi nei pronto soccorso. Per questo si sta ragionando sulla riduzione dei gettoni di presenza per i consiglieri regionali. Ma già nell’assestamento di bilancio si punterà ad inserire il provvedimento che riguarda i vitalizi.

Cinquemila euro. A quanto ammontano? Prendiamo l’esempio di un politico che ha fatto il consigliere regionale per due legislature. Quando compie 55 anni incassa ogni mese circa 4.800 euro netti. Se di legislature ne ha fatte tre, quella cifra mensile arriva a 5.500 euro. Attenzione: si può anticipare e cominciare a incassare il vitalizio anche a 50 anni, con una rinuncia del 5 per cento sul totale. Bene, la proposta sulla quale sta riflettendo la maggioranza punta a modificare questo meccanismo, come ha già fatto l’Emilia-Romagna, ma solo dalla prossima legislatura. Il tetto sale a 65 anni. Controcorrente Francesco Storace (La Destra) favorevole invece all’abolizione dei vitalizi.

I piccoli privilegi. Intanto, Mario Abbruzzese, presidente del Consiglio regionale, sta pensando a una modifica del regolamento dei monogruppi che costano circa 420 mila euro ciascuno ogni anno. Funziona così: vengo eletto consigliere regionale nel partito X. Un giorno decido di mettermi in proprio, uscire dal gruppo del partito X e aprirmene uno mio che chiamerò partito Y. Ho così diritto a uno staff di sei persone e all’uso di un’auto blu. Anche tutti i partiti del centro sinistra hanno inviato una serie di proposte per la riduzione dei costi della politica. Si va dal taglio delle commissioni (nessuna Regione ce ne ha tante quanto il Lazio, sono 20 con un aggravio economico notevole) alla proposta di abolire, appunto, i monogruppi.

Forbici e resistenze. Per questo anche ieri – sia pure con molta prudenza perché queste misure potrebbero mettere in difficoltà la maggioranza dove i mal di pancia abbondano – si sono ipotizzate nuove regole contro i monogruppi (se ne era parlato anche nella scorsa legislatura, ma non se ne fece nulla) e contro l’affollamento di commissioni. In sintesi: le commissioni permanenti oggi sono sedici, dovrebbero diventare dieci; quelle straordinarie sono quattro, potrebbero diventare due. Ma chi rinuncia alla poltrona da presidente di commissione (con i benefit compresi)? Giovanni Di Giorgi (Pdl), attuale presidente della commissione Mobilità, è stato eletto sindaco di Latina, quindi potrebbe essere sacrificato. Olimpia Tarzia, presidente della commissione Scuola, è stata eletta con la Lista Polverini,ma ha formato un monogruppo.

Annunci

Non un treno passeggeri, ma un vagone merci

treni_pendolaridi Matteo d'Ingeo

Dopo circa un mese nulla è cambiato sulla linea Molfetta-Bari. Sembrava una giornata come tante, quella d’inizio mese con la fila in biglietteria per il rinnovo dell’abbonamento mensile.
Lascio 50,00euro e ne ricevo solo 5. Il costo della tratta Molfetta-Bari è lievitato improvvisamente da 39,00 a 45,00 euro.

Siamo rimasti tutti sorpresi, aspettavamo l’aumento ma non di 6,00 euro.

Parato il colpo lo sguardo va al monitor per sperare che almeno il treno delle 7,08 arrivi in orario, ma i monitor sono fuori uso e l’altoparlante avvisa che ci sono quasi dieci minuti di ritardo.
Come sempre, ci si stringe nelle spalle, e con la pazienza trentennale del pendolare, si aspetta il primo treno utile.
Nell’attesa si riflette e ci si chiede come sarà il treno in arrivo, corto, lungo, a due piani, vivalto o minuetto; e vada il ritardo, l’aumento del prezzo dell’abbonamento anche, ma almeno che il “materiale” (così lo chiamano gli addetti ai lavori) in arrivo sia spazioso, confortevole con l’aria condizionata (così avevano promesso i vertici di Trenitalia qualche anno fa).
Nulla di tutto questo, le aspettative dei circa 300 passeggeri che attendono il treno regionale 12457, sono subito deluse. Il treno è già pieno, non si può entrare, ma quelli come me che devono per forza prendere quel treno, altrimenti perdono la coincidenza per proseguire, spingendo e sgomitando riescono ad entrare e guadagnare un posto in corridoio.
Il viaggio è appena cominciato e a Giovinazzo il treno è già stracolmo, i passeggeri rimangono quasi tutti a terra, a Santo Spirito e Palese si ferma solo per far scendere qualcuno ma riparte subito lasciando a terra studenti che arriveranno puntualmente in ritardo a scuola, sono quasi tutti miei alunni.
In treno prosegue per Bari a velocità ridotta perché il macchinista è consapevole delle responsabilità che ha, insieme al capotreno, nel far viaggiare quel treno con circa 600 persone in 4 carrozze che si tengono in piedi solo perché pigiate una all’altra e senza maniglie per aggrapparsi in caso di frenata brusca.
Siamo a pochi minuti dalla stazione centrale di Bari e una giovane studendessa comincia a sentirsi male, pallida in viso e livida nelle labbra, reclama ossigeno che nel frattempo nelle carrozze è esaurito.
Per fortuna il treno è in stazione, appena in tempo, per aprire quelle poche finestre  apribili per ossigenare la malcapitata ed evitare il peggio.
Ma l’avventura non è ancora conclusa; appena il treno è fermo, i 150 passeggeri dell’ultima carrozza (questa è la stima fatta, ma in difetto) sono riusciti a guadagnare l’uscita e il marciapiede solo dopo 10 minuti perché era bloccata una delle due porte dell’ultima carrozza.
Questo è il diario di bordo del treno Molfetta–Bari (Mola) del 3.11.2010, non un racconto di fantasia, ma è la storia, ordinaria, quotidiana di centinaia di pendolari che viaggiano ancora come viaggiavano 20 anni fa.
Le tariffe aumentano e il servizio peggiora; è possibile nel 2010, pur pagando il servizio, viaggiare come bestie mandate al macello?  Quelle viaggiano con più spazio e aria, e con tutto il rispetto per le bestie, credo che i cittadini meriterebbero di più. Non so se prendermela con il Governo o con l’assessore regionale alla mobilità Guglielmo Minervini; forse sarebbe il caso che l’assessore abbandonasse qualche volta le auto, più o meno “blu”, e viaggiasse con noi prima di decidere di aumentare gli abbonamenti.

Vite spezzate

https://liberatoriopolitico.files.wordpress.com/2009/10/michele20de20bari-pietro20gadaleta.jpg

Quando si parla di “vite spezzate” si pensa subito a giovani vite stroncate da improvvise tragedie, ed anche la vita della signora Giulia Samarelli, pur novantenne, è stata spezzata da un destino e da una tragedia improvvisa.
Così come ci lascia impotenti la morte di giovani incolpevoli stroncati da incidenti stradali o da malattie incurabili, ci rattrista ancor più pensare alla morte di una donna, una delle nostre tante donne, vissuta in discreta solitudine, abbandonata dal proprio compagno e ancora speranzosa di ritrovarlo; una di quelle donne d’altri tempi che ha costruito il proprio futuro, giorno dopo giorno, nella consapevolezza di dover gestire la propria vita dignitosa senza certezze.

Dall’altra parte due “bulli”, si direbbe. Michele de Bari, figlio del più noto Gino, come altri suoi cugini e zii, arcinoto alla cittadinanza e alle forze dell’ordine.

Pietro Gadaleta, al momento dell’arresto, sembra che abbia dichiarato laconicamente “che era la prima volta” che partecipava ad uno scippo. Rivedendo la padronanza e la freddezza dei suoi gesti nel video, diffuso dai Carabinieri, non si direbbe.

Abbiamo elementi abbastanza concreti per pensare che Gadaleta fosse un “piccolo dottor Jekyll e mister Hyde”.

Dalle foto segnaletiche apparse sui giornali, nonostante il rinnovato look nel taglio di capelli è stato riconosciuto come un bravo ragazzo che operava come volontario in una nota associazione di volontariato cittadino, svolgendo assistenza agli anziani bisognosi di cure.

Anche in questo caso, come accadde per l’assassinio del sindaco Gianni Carnicella, le parole del compianto don Tonino Bello sembrano fotografare bene la realtà.

“È il discorso sul malessere della città. Un malessere che, in modo spesso maldestro, vogliamo rimuovere dalla nostra coscienza e del quale facciamo fatica a prendere atto, forse perché troppo fieri del prestigio del nostro passato. Un malessere che si costruisce su impercettibili detriti di illegalità diffusa, sugli scarti umani relegati nelle periferie, sui frammenti di una sottocultura della prepotenza non sempre disorganica all’apparato ufficiale.

È il discorso sulla rete sommersa della piccola criminalità che germina all’ombra di un perbenismo di facciata. Sulle connivenze col mondo della droga che ormai non risparmia nessun gonfalone. Sui rigagnoli sporchi che inquinano le falde sane di una economia costruita dalla proverbiale laboriosità dei nostri antenati, i quali hanno onorato Molfetta in tutti gli angoli del mondo…”.

Oh, come vorremmo che fossero dei mostri, per poter scaricare unicamente su di loro le responsabilità di questa tragedia! Ma chi ha agito, forse non è neppure un pazzo o un criminale nel senso classico del termine. Questi ragazzi non sono dei “mostri”, purtroppo sono dei “nostri”!

Di Michele e Pietro in città ne girano tanti, dal Borgo Antico a Piazza Paradiso, da via Immacolata ai quartieri periferici, in due senza casco su motorino senza targa e, all’occorrenza, contro senso.

Questa situazione a Molfetta non è straordinaria, non è avvenuta per caso in via Immacolata, ma è una storia di ordinaria illegalità quotidiana dove le regole vengono infrante senza che nessuno ne rivendichi il rispetto.

Per volere del suo primo cittadino la nostra città è diventata una “zona franca”.

Gli agenti di polizia municipale, in via Immacolata, li vedrete solo oggi durante la celebrazione dei funerali di Giulia, ma durante l’anno si guardano bene dal gironzolare per i quartieri caldi della città, perché gli ordini di servizio giornalieri devono coprire prioritariamente il salotto buono della città dove per fortuna, almeno in apparenza, si delinque meno. Forse gira, ogni tanto, la pattuglia in auto, ma non serve.

Poi ci sono i giovani “permeati da principi eticamente più leali”, fedeli servitori del SindacoSenatorePresidente, che hanno elogiato in un comunicato stampa, “il servizio di sicurezza-sorveglianza della nostra città, che ha portato alla rapida cattura dei due malviventi”.

Ci dispiace deluderli ma le riprese che hanno incastrato i due scippatori, provengono dalla telecamera privata di un tabaccaio e non da quella pagata fior di milioni situata sulla facciata della chiesa Immacolata.

Quella in piazza Immacolata è una delle tante telecamere che da anni sono montate in città, e non attive, che il sindaco Azzollini in ogni campagna elettorale e in ogni comizio pubblico rifinanzia e promette di far funzionare; ci rimane solo la speranza per le prossime elezioni regionali.

In questi giorni il primo cittadino oltre a ripetere lo slogan, ormai usurato e smentito da tutte le finanziarie governative, della solita richiesta dell’aumento dell’organico per la caserma dei Carabinieri, si è inventato una straordinaria novità.

In una conferenza pubblica ha dichiarato che i problemi di ordine pubblico a Molfetta si risolvono con l’armamento degli stessi agenti di polizia municipale.

Se il sindaco vuol dire che l’abusivismo e l’occupazione di suolo pubblico, le auto in doppia fila, le infrazioni al codice della strada, le auto incendiate, gli scippi, l’uso dei falsi pass per disabili, ecc, ecc, si combattono con l’armamento  della polizia municipale, allora consigliamo a lui e alla sua maggioranza (sperando che non ci sia anche qualche consigliere di minoranza) di farsi un serio esame di coscienza e poi di dichiararsi non all’altezza del compito.

Da oltre dieci anni esiste un buon regolamento di polizia municipale che non è stato mai interpretato ed attuato pienamente.

Basterebbe che quotidianamente gli agenti di Polizia Municipale attuassero alla lettera il regolamento senza sconti e favori a chicchessia; altro che armi.

Alla nostra comunità serve solo un po’ di normalità senza rigurgiti di autorità e autoritarismi; purtroppo non è da tutti, ma abbiamo un gran bisogno di autorevolezza, non solo nella politica ma anche nella Polizia Municipale.
 

Scippo finisce in tragedia a Molfetta muore 90enne. Ladri filmati: in manette

 

Fonte: www.ilgiornale.it/…

Uno scippo finito in tragedia: la vittima, una donna di 90 anni, è morta per le gravissime ferite riportate durante l’aggressione. Due giovani a bordo di un ciclomotore hanno tentato di strapparle via la borsetta, che conteneva solo pochi spiccioli: fermati dai carabinieri due 18enni. A nulla sono valsi i tentativi di salvare la vita alla donna, operata due volte in ospedale.

I due scippatori Sono Michele De Bari, di Molfetta, e Pietro Gadaleta, residente a Terlizzi. Entrambi sono già noti alle forze dell’ordine. Quando hanno agito erano a volto scoperto. Il ciclomotore era privo di targa. La donna, da quanto si evince dalle immagini del circuito di videosorveglianza, camminava sul marciapiede sul lato destro della strada: è stata avvicinata alle spalle dal ciclomotore, uno dei due giovani le ha afferrato la borsetta facendola cadere rovinosamente sull’asfalto. Nella caduta la donna ha battuto violentemente la testa sul lato sinistro ed ha riportato gravi lesioni al cranio e al torace. 

Scena ripresa da telecamere Determinanti per l’arresto dei malviventi sono state le immagini di alcune telecamere di sorveglianza installate in due differenti punti della strada che hanno consentito ai carabinieri di ricostruire la dinamica dell’accaduto e identificare i responsabili.

 

Meglio tardi che mai. Commercio ambulante: l'opposizione chiede un Consiglio Comunale

Anche i consiglieri comunali di opposizione chiedono la risoluzione del problema del commercio ambulante con la convocazione di un Consiglio Comunale che affronti e approvi il nuovo Piano Comunale del commercio.

http://molfettalive.it/imgnews/gazebo(8).jpg

«I sottoscritti, nella qualità di consiglieri comunali

premesso che

– negli ultimi mesi – a partire dall’inizio dell’anno 2009 – è notevolmente aumentata l’occupazione di suolo pubblico da parte di operatori del commercio ambulante ortofrutticolo;
– tale occupazione ha preso forma in modo disordinato, senza il minimo rispetto delle condizioni igieniche, creando a volte serie difficoltà alla deambulazione dei cittadini, in quanto sono occupate ampie zone dei marciapiedi e persino i passaggi per i disabili, o al traffico giacchè, essendo posizionati sulle aree di delimitazione degli incroci, rendono precaria la visibilità agli automobilisti, che possono trovarsi coinvolti in incidenti per mancato rispetto delle precedenze;
– a seguito di tale irrazionale e sregolata diffusione di postazioni di commercio ambulante il decoro, la pulizia e l’immagine di non poche strade e porzioni del territorio cittadino sono nettamente peggiorati, contribuendo al degrado delle vivibilità della città e all’ulteriore decadimento del già modesto arredo urbano;
– negli ultimi mesi vi sono stati incendi dolosi a danno di postazioni di commercio ambulante ormai diventate inamovibili;
– alle ripetute denunce pubbliche a mezzo stampa e tramite interventi per fatto grave registratisi nell’assise consiliare non sono seguiti atti e determinazioni da parte dell’Amministrazione comunale;
– che un atteggiamento di rinvio nella disamina del problema sarebbe interpretabile come segnale di debolezza istituzionale e potrebbe incoraggiare impropriamente quanti ritengono di poter continuare nella nostra comunità a spadroneggiare, sotto vari profili, con prepotenza e scarso senso delle regole, facendo magari ricorso anche a forme di pressione e minacce, come ultimamente nei confronti di quanti sollevano il problema del rispetto delle regole;

considerato che

– ad oggi la città di Molfetta non ha ancora un piano e un regolamento comunale sul commercio che disciplinino autorizzazioni, zone di vendita, divieti e sanzioni;
– il precedente Piano varato dal Commissario Straordinario con deliberazione n. 4 in data 18.4.2006 avente validità di anni 3, risulta quindi abbondantemente scaduto;
– che la Giunta Comunale con delibera n. 9 del 19.01.2009, avente ad oggetto l’“Approvazione progetto finalizzato intersettoriale ad oggetto: “Redazione Piano edicole – Redazione Piano commerciale – Redazione Piano comunale per la disciplina del commercio su aree pubbliche” ha dato mandato ad unità lavorative del Comune di redigere tale progetto intersettoriale;
– ad oggi nessuna proposta, elaborato, relazione è stata presentata dalla Giunta Comunale nelle competenti Commissioni consiliari nè all’attenzione del Consiglio Comunale deputato alla discussione e approvazione di tale Piano;
– tale situazione di mancata razionalizzazione e controllo delle attività commerciali ambulanti – anche per via della storia pregressa della nostra città – può ingenerare fenomeni che nulla hanno a che vedere con la civile convivenza, oltre ad offrire l’immagine di una città senza controllo e senza rispetto delle regole (non solo quelle di ordine igienico-sanitario);
– è opportuno e quanto mai necessario, non ulteriormente procrastinabile, intervenire con scelte che consentano da un lato opportunità di lavoro a quanti chiedono una legittima occasione di inserimento economico e sociale nella comunità cittadina e dall’altro la salvaguardia intransigente delle condizioni di vivibilità e fruizione degli spazi cittadini e del rispetto delle norme;
– occorre individuare, predisporre e attrezzare delle aree mercatali in modo che sia garantito non solo l’esercizio di attività di vendita ma anche il necessario rispetto delle norme igieniche e di garanzia dei cittadini;

Chiedono

che, ai sensi dell’art. 8 del Regolamento del Consiglio Comunale, la S.V. Ill.ma Voglia convocare d’urgenza il Consiglio Comunale sul seguente ordine del giorno:

1. situazione del commercio ambulante – Relazione dell’Assessore al ramo;
2. formazione del Comitato comunale per il monitoraggio dei fenomeni deliquenziali ai sensi della Delibera di C.C. n. 48/1997);
3. Piano del Commercio.

Ordine del giorno che sarà sottoposto all’attenzione di tutti i consiglieri comunali:

Il Consiglio Comunale della Città di Molfetta

premesso che

– negli ultimi mesi – a partire dall’inizio dell’anno 2009 – è notevolmente aumentata l’occupazione di suolo pubblico da parte di operatori del commercio ambulante ortofrutticolo;
– tale occupazione ha preso forma in modo disordinato, senza il minimo rispetto delle condizioni igieniche, creando a volte serie difficoltà alla deambulazione dei cittadini, in quanto sono occupate ampie zone dei marciapiedi e persino i passaggi per i disabili, o al traffico giacchè, essendo posizionati sulle aree di delimitazione degli incroci, rendono precaria la visibilità agli automobilisti, che possono trovarsi coinvolti in incidenti per mancato rispetto delle precedenze;
– a seguito di tale irrazionale e sregolata diffusione di postazioni di commercio ambulante il decoro, la pulizia e l’immagine di non poche strade e porzioni del territorio cittadino sono nettamente peggiorati, contribuendo al degrado delle vivibilità della città e all’ulteriore decadimento del già modesto arredo urbano;
– negli ultimi mesi vi sono stati incendi dolosi a danno di postazioni di commercio ambulante ormai diventate inamovibili;
– alle ripetute denunce pubbliche a mezzo stampa e tramite interventi per fatto grave registratisi nell’assise consiliare non sono seguiti atti e determinazioni da parte dell’Amministrazione comunale;
– un atteggiamento di rinvio nella disamina del problema sarebbe interpretabile come segnale di debolezza istituzionale e potrebbe incoraggiare impropriamente quanti ritengono di poter continuare nella nostra comunità a spadroneggiare, sotto vari profili, con prepotenza e scarso senso delle regole, facendo magari ricorso anche a forme di pressione e minacce, come ultimamente nei confronti di quanti sollevano il problema del rispetto delle regole;
considerato che
– ad oggi la città di Molfetta non ha ancora un piano e un regolamento comunale sul commercio che disciplinino autorizzazioni, zone di vendita, divieti e sanzioni;
– il precedente Piano varato dal Commissario Straordinario con deliberazione n. 4 in data 18.4.2006 avente validità di anni 3, risulta quindi abbondantemente scaduto;
– la Giunta Comunale con delibera n. 9 del 19.01.2009, avente ad oggetto l’“Approvazione progetto finalizzato intersettoriale ad oggetto: “Redazione Piano edicole – Redazione Piano commerciale – Redazione Piano comunale per la disciplina del commercio su aree pubbliche” ha dato mandato ad unità lavorative del Comune di redigere tale progetto intersettoriale;
– ad oggi nessuna proposta, elaborato, relazione è stata presentata dalla Giunta Comunale nelle competenti Commissioni consiliari nè all’attenzione del Consiglio Comunale deputato alla discussione e approvazione di tale Piano;
– tale situazione di mancata razionalizzazione e controllo delle attività commerciali ambulanti – anche per via della storia pregressa della nostra città – può ingenerare fenomeni che nulla hanno a che vedere con la civile convivenza, oltre ad offrire l’immagine di una città senza controllo e senza rispetto delle regole (non solo quelle di ordine igienico-sanitario);
– è opportuno e quanto mai necessario, non ulteriormente procrastinabile, intervenire con scelte che consentano da un lato opportunità di lavoro a quanti chiedono una legittima occasione di inserimento economico e sociale nella comunità cittadina e dall’altro la salvaguardia intransigente delle condizioni di vivibilità e fruizione degli spazi cittadini e del rispetto delle norme;
– occorre individuare, predisporre e attrezzare delle aree mercatali in modo che sia garantito non solo l’esercizio di attività di vendita ma anche il necessario rispetto delle norme igieniche e di garanzia dei cittadini;
e impegnandosi a fissare nella prossima riunione della Commissione Affari Istituzionali una seduta, nella prima data utile, per procedere alla formazione del Comitato comunale per il monitoraggio dei fenomeni delinquenziali ai sensi della Delibera di C.C. n. 48/1997;

invita

il Sindaco del Comune di Molfetta, l’Assessore competente al ramo e per essi il Dirigente di Settore a:

– verificare la regolarità dei requisiti di quanti sono stati autorizzati a svolgere commercio ambulante di prodotti ortofrutticoli;
– verificare il rispetto integrale e intransigente di quanto disposto nelle succitate autorizzazioni;
– non procedere al rilascio di nuove autorizzazioni nè al rinnovo di pregresse autorizzazioni nelle more che il nuovo Piano del commercio venga discusso e approvato in Consiglio Comunale;
– proporre entro 30 giorni dalla data odierna la discussione in Consiglio comunale di una proposta di Piano del Commercio che regolarizzi e razionalizzi le forme di vendita del commercio ortofrutticolo ambulante nella nostra città a tutela delle regole, del decoro e della pubblica sicurezza nella nostra comunità.»

  

Lettera di un cittadino esausto

http://www.molfettalive.it/imgnews/100_1062(3).JPG

di La Redazione (www.molfettalive.it/…)

Un cittadino che si definisce "esausto" prende carta e penna e scrive una lettera. Argomento, la vita nella nostra città, tra divieti non rispettati e senso civico latitante.

«Basta! Basta! Basta!

Non ne posso più di “vivacchiare” in una città che ha molte potenzialità ed invece ha le strade che sono peggio di quelle di Baghdad e Kabul messe insieme, i muri e le grate imbrattati peggio dei sobborghi e dei quartieri malfamati di New York o delle favelas brasiliane, palazzi e palazzetti dello sport in condizioni pietose, che cadono a pezzi senza che nessuno intervenga, la sporcizia delle strade e dei marciapiedi degna di una discarica abusiva a cielo aperto, spiagge impraticabili per la sporcizia e l’inciviltà dei fumatori che vogliono rispetto, ma non rispettano gli altri. Vuoi fumare? Va’ fuori dalla spiaggia, in uno spazio aperto dove non dai fastidio. Ti stanchi a farlo? Non fumare, ne giova la tua salute e quella degli altri!

E che dire della periferia abbandonata a se stessa? Considerata sempre l’ultima ruota del carro?» continua il lettore.

La lista delle cose che non vanno è lunga: «il lungomare, selva di bottiglie e lattine sul muro» teatro del lancio della bottiglia sugli scogli, la zona della Villa Comunale, il centro storico, la passerella pedonale tra Rione Paradiso ed il lotto 10.

«Meno male che quando traslocherò potrò anche non uscire e non vedere tutto questo scempio e, magari, essendo più vicino, me ne andrò a Giovinazzo che oltre ad essere un po’ più pulita è meno “vandalizzata”.

No comment sul parco giochi di ponente e dintorni (marciapiede e strada che costituiscono un pericolosi caduta a causa delle radici degli alberi, “ricordini” di cane ogni 10 cm, spazzatura varia sparsa qua e là … fatevi un giro, e vedete voi il resto».

Il paragone con l’estero è qunato mai impietoso: «in Austria, quando vedono un pedone che si avvicina alle strisce pedonali, già da 200 o 300 metri cominciano a rallentare e si fermano anche a un centinaio di metri di distanza; le strade sono pulitissime e prive di voragini di qualsiasi genere, i marciapiedi non hanno una pavimentazione “a puzzle” di diverse smattonature e, anche se è così, non sono un obbrobrio stilistico, i parchi rendono i paesi molto verdi».

Ultimo capitolo: gli schiamazzi notturni nella zona di via Goerlitz regno di «ragazzi e ragazze che si divertono a far rumore con i motorini, a rompere le bottiglie contro il muro dell’asilo e a frantumarle all’interno della recinzione dello stesso, facendo abbaiare i cani per tutta la notte».

«Basta, basta, basta»: la lettera si chiude così come era cominciata.

Rischio idrogeologico per le lame di Molfetta.
Il prof. Copertino: l’incultura idraulica e geologica dell’amministrazione comunale


https://liberatoriopolitico.files.wordpress.com/2009/08/allagatoviaruvo.jpg

di Giacomo Pisani (www.quindici-molfetta.it/…)

Dopo il sequestro di un’area di circa 1.000 mq. Nella zona di Lama Cupa (detta anche Martina, Schvazappa o fondo di don Carluccio) a Molfetta da parte del Corpo Forestale dello Stato, che ha trovato ben 500 metri cubi di materiale edile di risulta gettati nella zona nel tentativo di creare sbarramenti all’alveo della lama, estirpando anche decine di alberi di ulivo, si torna a discutere sulle lame e sull’incultura della gente (e forse anche di qualche tecnico) su questo problema.
La lama Cupa attraversa tutta la zona di Levante e sfocia alla prima cala. Se la pioggia torrenziale di martedì scorso fosse continuata per qualche ora, il territorio di Molfetta avrebbe registrato danni enormi e il rischio idrogeologico avrebbe potuto provocare anche delle vittime.
Chi crede che modificando la conformazione delle lame possa rendere edificabili quelle aree, probabilmente sottovaluta il rischio che questi interventi possono provocare. Ignoranza reale o ignoranza colpevole? E’ quello che ci chiediamo di fronte anche ad affermazioni che vengono fatte in giro e che lasciano perplessi anche coloro i quali, pur non essendo tecnici, avvertono i possibili rischi di un superficiale approccio alla situazione critica più volte richiamata dall’Autorità di bacino.
Occorre evitare in generale che un governo si possa costituire in potere, pretendendo di racchiudere ogni angolo della realtà nelle proprie categorie economiche e politiche, e finalizzare ogni progetto ai propri interessi, astraendo l’azione amministrativa dal contesto di vita quotidiano, perché in questo caso la politica rischia di contrapporsi all’uomo, ai cittadini, alla vita.
Il rischio idrogeologico delle lame molfettesi non è un’arguta costruzione posta in essere da bandiere, da colori politici o di fazione, ma rappresenta una caratteristica strutturale della zona, manifestata dagli enti tecnici della regione (Autorità di bacino).
Sovrapporre a questo pericolo estemporanee giustificazioni atte a legittimare degli scempi ambientali, rischia di danneggiare irrimediabilmente il territorio e i suoi abitanti.
Ovviamente la valutazione delle situazioni richiede competenze specifiche, più che costruzioni retoriche utili ad indirizzare “consensi”. Per questo “Quindici” ha ascoltato, a proposto del rischio derivante dall’edificazione sulle lame, approvata con l’ultimo PIP, il prof. Vito Copertino, Ordinario di Costruzioni idrauliche e idraulica fluviale, già Preside della facoltà di Ingegneria dell’Università della Basilicata, il quale ha spesso collaborato con le autorità della difesa del suolo e della pianificazione del territorio.
Secondo Vito Copertino, il territorio di Molfetta si è precarizzato a causa di alcuni interventi urbanistici attuati in passato, in particolare negli ultimi 20 anni.
Le lame non costituiscono in sé dei pericoli idraulici. Senza l’intervento dell’uomo esse rivestirebbero una funzione idraulica importante, e la pericolosità geologica è ridotta anche dalla bassa piovosità della nostra zona.
Sono le infrastrutture stradali, i sottopassi, gli insediamenti industriali, a rendere le lame pericolose, se non edificate con le giuste attenzioni. E’ importante, allora, sapere che in ogni territorio esistono delle linee preferenziali di scorrimento dell’acqua.
Le lame presentano innanzitutto una funzione naturalistica: esse sono incisioni del carbonatico simili alle doline, che si caratterizzano per delle specificità vegetali e faunistiche e per un’articolazione ondulatoria che mette in rilievo strati calcarei.
Una funzione fondamentale delle lame è quella di smaltimento della pioggia zenitale, che deve raggiungere il veicolo più veloce per arrivare in mare, il quale, per questo non può essere intasato. Un buon sistema di fognatura urbana è il miglior sistema di drenaggio verso le lame e il mare.
Esse inoltre servono al deflusso delle acque che provengono dalle Murge.
Per quanto riguarda la funzione naturalistica delle lame, gli interventi del passato hanno fatto scomparire queste ultime; solo la parte a monte della città conserva il paesaggio originario.
In riferimento allo smaltimento della pioggia, invece, spesso il sistema di drenaggio urbano entra in crisi anche per errori progettuali, ad esempio per errori nella gestione della rete fognaria urbana. Il sistema fognario entra in crisi con temporali accentuati, come è accaduto la scorsa settimana.
Il temporale di martedì scorso ha messo in crisi il sistema viario della città, per questo Vito Copertino invita a chiedersi cosa sarebbe successo se la pioggia fosse caduta con la stessa intensità per più ore consecutive.
Esaminando la terza funzione delle lame, nei mesi autunnali e invernali sono frequenti crisi idrogeologiche quando dalle Murge scendono grossi deflussi di piena che devono trovare linee preferenziali di afflusso al mare, nelle lame o in canali artificiali.
Nell’autunno del 1997 lama Martina entrò in crisi perché l’acqua non trovò sbocco in mare a causa delle costruzioni edilizie e stradali nelle zone di Mezzogiorno e di Levante di Molfetta.
Passando ad analizzare le vicende politiche recenti, il prof. Copertino ricorda che la legge 183 del 1989 istituì l’Autorità di Bacino (AdB) come autorità di governo dei processi idraulici nel territorio.
L’AdB ha l’obbligo di formulare piani di bacino e di individuare aree a diversa pericolosità idraulica, esprimendo prescrizioni e vincoli, ma anche indicazioni di valorizzazione delle aree, cui tutte le autorità, che modificano il territorio con piani urbanistici, devono sottostare. Le indicazioni dell’AdB sono perentorie e sovra ordinarie a tutte le fasi della pianificazione.
Il Piano di Bacino si compone di piani di stralcio, fra cui c’è il PAI (Piano di Assetto Idrogeologico). Il PAI della regione Puglia ha individuato le aree ad alta pericolosità con modelli idraulici precisi e sofisticati. E’ vietato costruire o insediarsi con attività antropiche all’interno del tracciato delle lame e delle aree limitrofe individuate come aree ad alta pericolosità idraulica.
Secondo Vito Copertino, ricorrere ad un ricorso giudiziario perché annulli le risultanze del PAI (il sindaco di Molfetta, Antonio Azzollini, ha già annunciato il ricorso in una conferenza pubblica, ndr) è segno di incultura idraulica e geologica e di un metodo di lavoro che contrasta con la procedura collaborativa portata avanti dall’AdB. Per Copertino, è molto difficile che il TAR o il Tribunale delle Acque o qualsiasi autorità giudiziaria possa dar ragione ad amministrazioni che vogliono cancellare la specificità del territorio molfettese, segnato da numerose incisioni che presentano sbocchi al mare.
Il professore ricorda il caso del 2005, in cui nelle lame del territorio barese, a seguito dei temporali di Ottobre, sovrappassi stradali furono devastati e le immagini scioccanti dei binari ferroviari della linea Lecce-Milano, sospesi sulla lama, ci mostrarono un pendolino fermo a pochi metri dal baratro.
Ci furono cinque morti a causa della sottovalutazione della funzione delle lame nel far defluire le acque dalle Murge. Secondo Vito Copertino, anche molti sovrappassi del territorio molfettese e della zona industriale non sono progettati per consentire il deflusso delle acque lungo le lame oppure nel sistema di drenaggio urbano.
Sottomettere il rischio oggettivo che investe la città, testimoniato tecnicamente dagli studi ingegneristici e dalla voce degli esperti del settore, alle esigenze economiche di turno, non può passare inosservato. Disporre le condizioni per il più sicuro sviluppo della vita rappresenta il compito principale di un amministratore. Le condizioni che si vanno prospettando, attualmente, offrono scenari fra i peggiori per noi tutti.

Emergenza sicurezza e ambulantato: le proposte del Liberatorio

https://liberatoriopolitico.files.wordpress.com/2009/07/20090705_fruttivendolo_via_di_vittorio_p1030003lr.jpg

Una settimana fa avevamo chiesto le dimissioni del sindaco Azzollini per le vergognose affermazioni pronunciate in occasione della commemorazione del sindaco Carnicella e per la sua incapacità nella gestione del territorio a causa del dilagante abusivismo messo in atto da alcune famiglie che gestiscono il commercio ambulante di prodotti ortofrutticoli, e non abbiamo cambiato idea.
Avevamo chiesto la convocazione urgente di un consiglio comunale monotematico sull’ordine pubblico e sicurezza ma, dal palazzo, dopo una settimana, c’è stato  solo un silenzio assordante.
Nel frattempo ci sono state altre tre rapine e l’occupazione del territorio da parte degli ortofrutticoli, di bar ed esercizi di ristorazione in città e in zone demaniali si allarga a macchia d’olio compromettendo ulteriormente la sicurezza dei cittadini sia per la viabilità pedonale che automobilistica.
Crediamo che la misura sia colma e in caso di ulteriori incidenti, oltre il Sindaco,  tutti gli organi preposti al rispetto dell’ordine pubblico, del codice della strada, dell’igiene pubblica e della sicurezza dovranno rispondere con le loro rispettive responsabilità.
Noi apprezziamo le tardive posizioni assunte dal Partito della Rifondazione Comunista e del Partito Democratico che  hanno  richiamato il sindaco  a discutere in Consiglio Comunale il Piano del Commercio e hanno invitato il sindaco a ritirare qualche autorizzazione commerciale a rischio, ma da loro non ci sono state dichiarazioni chiare su che cosa deve cambiare nel Piano del Commercio.

Pertanto ribadiamo al Partito della RC, al PD e all’amministrazione comunale le proposte con le dovute premesse che da oltre due anni ripetiamo e su cui nessuno  si è ancora espresso.

Il Liberatorio Politico vista la difficile situazione in cui versa il settore del commercio ambulante e per  i problemi di ordine pubblico e sicurezza che si sono creati in città,  premesso che:

– nella nostra città da oltre un decennio esiste il problema dell’occupazione abusiva di strade e marciapiedi;
– alcune deliberazioni del Commissario Prefettizio in materia di disciplina del commercio su aree pubbliche hanno aggravato la situazione, creando delle palesi contraddizioni con il rispetto del codice stradale e dell’igiene pubblica;
– numerosi operatori non rispettano il regolamento del Piano del commercio creando disagio alla normale  viabilità e alla sicurezza dei cittadini;
–  questa città ha bisogno di ritrovare una sua immagine più decorosa e rispettosa del bene comune;

considerato che:

–  il centro urbano cittadino risulta ormai quasi invivibile per l’aumento del traffico e la conseguente diminuzione dei parcheggi;
– è diventata cattiva consuetudine, da parte di molti operatori commerciali, non rispettare le ordinanze e i regolamenti comunali che riguardano l’occupazione del suolo pubblico;
– sono venute meno le motivazioni che giustificano l’esistenza dell’ambulantato nel centro urbano, per la presenza di numerosissimi esercizi commerciali che offrono la stessa merce con più garanzia sulla tracciabilità del prodotto e delle condizioni igienico-sanitarie;
– molti commercianti, sia a posto fisso che itineranti, nel non rispettare le norme dell’occupazione del suolo pubblico creano disordine e una cattiva immagine della città che aspira a diventare “Città turistica”;
 
chiede al Sindaco:

– di rivedere il Piano Comunale per la Disciplina del Commercio su aree pubbliche, nella parte riguardante le autorizzazioni ambulanti e l’occupazione del suolo pubblico;
– eliminare totalmente la presenza di ambulanti nel Centro Urbano in un quadrilatero delimitato dalle vie Grittani, Calabrese, Amato, Cozzoli, Mezzina, Pomodoro, Baccarini, P.zza A.Moro, L.da Vinci, Fornari, Balice, Cagliero, G.De Candia, Viale Giovanni XXIII, S.Francesco d’Assisi, Vico 14° M.dei Martiri;
– di promuovere nella restante parte della città e nelle zone d’espansione nuovi spazi urbani destinati al commercio fisso e itinerante;
– di far rispettare nella zona delimitata in precedenza, solo la possibilità di un espositore di tre metri quadri lineari, laddove il codice della strada può consentirlo.
– di non consentire in nessun modo di riportare in Piazza Paradiso alcun tipo di zona mercatale;
Inoltre ribadiamo la necessità di convocare un consiglio comunale e un forum monotematico sui problemi dell’ordine pubblico aprendo la partecipazione alle associazioni e movimenti di base.

Lascia o raddoppia

 https://liberatoriopolitico.files.wordpress.com/2009/06/29062009_scomparsa_dei_frigoriferi_gavetone.jpg https://i0.wp.com/www.liberatorio.it/IMG/29062009_Zoom_frigorifero_Prima_Cala.jpg https://i1.wp.com/www.liberatorio.it/IMG/29062009_Stazione_refrigerante_Prima_Cala_CUT.jpg https://liberatoriopolitico.files.wordpress.com/2011/07/dsc02638.jpg11092008_Attenzione_DIVIETO_DI_CAMPEGGIO.jpg

I rifiuti ingombranti del Gavetone (di cui ci siamo già occupati a partire dal 17 giugno scorso), quelli che il presidente ASM forse chiamerebbe “frigoriferi ben allineati con funzioni sociali”, sono stati spostati. Mani ignote, non certo quelle degli operatori dell’ASM, hanno liberato quella spiaggia dai frigoriferi e li hanno trasferiti alla prima cala.
Così un’altra “postazione refrigerante” è nata all’ombra delle tamerici e di una tenda da sole, dove uomini stanchi e indultati dal signore, così accampati, riposano tra una birra e l’altra. Ma loro hanno uno scopo sociale: dare sollievo ai bagnanti vendendo un po’ di tutto anche se non riusciamo a immaginare con quale tipo di licenza.
Comunque segnaliamo ancora una volta al presidente Nappi questa nuova materializzazione sperando che nel frattempo abbia avuto il tempo di consultare il manuale del bravo operatore ecologico.

https://liberatoriopolitico.files.wordpress.com/2011/07/dsc02638.jpg28062009_Frutta_La_Cerasella_raddoppia.jpg  https://liberatoriopolitico.files.wordpress.com/2011/07/dsc02638.jpg28062009_Frutta_angolo_vico_XII_MadMartiri.jpg

Abbiamo un paio di aggiornamenti peggiorativi nell’ambito dei venditori "ambulanti a posto fisso". La postazione de “la Cerasella”, quella nei pressi del parco di Ponente, raddoppia.
Nel marciapiede opposto, a pochi metri di distanza, raddoppia anche un’altra postazione. E con essa l’indecenza.

http://www.molfettalive.it/imgnews/02(129)(2).jpg

Carissimo Sindaco Senatore, comprendiamo che in ogni campagna elettorale la sua propaganda necessita di più visibilità e s’inventa i consiglieri ambasciatori  di “pric-o-prac” e “cialletta” in Kenia, i consiglieri–assessori delle panchine al corso Umberto, i segretari candidati di partito che chiedono di non “svendere il voto” e la propria dignità, in cambio di una cena, un pranzo, un posto come rappresentante di lista, un buono benzina, un buono spesa in qualche salumeria, un buono per biancheria intima, ecc, ecc, ma a tutto c’è un limite.
Ben venga la sua campagna per il rispetto dell’ambiente con l’invito a lavarci di più, e spesso, consumando meno.
Il suo assessore “Doccia Light” ha fatto installare 130 erogatori per doccia a basso flusso su altrettanti punti doccia presenti negli impianti di proprietà comunale assicurando che si risparmierà fino al 50% dell’acqua e dell’energia utilizzata per riscaldarla.
Peccato però che molto spesso ci viene sottratta l’acqua per deviarla ai giochi acquatici di Miragica.
Ma la campagna ecologica del governo “del fare” continua sul fronte della raccolta differenziata dei rifiuti con le “isole interrate a scomparsa”, che saranno rigorosamente inaugurate, sabato 30 maggio, in piena campagna elettorale alla presenza del Sindaco Azzollini che si esibirà in una dimostrazione pratica di conferimento a scomparsa di rifiuti con il Presidente Nappi.
Ci chiediamo da anni, a chi giova tutta questa innovazione tecnologica se la bolletta della tassa rifiuti non diminuisce mai?
Ma il pezzo forte della politica del risparmio energetico, il sindaco e il suo assessore al ramo, lo hanno realizzato nel momento in cui hanno installato in quasi tutto il centro cittadino, le lampade a basso consumo energetico. Immaginate che è talmente basso il consumo che le accendono dalle 16.30, quasi cinque ore prima che faccia notte.
Caro Sindaco non le sembra che la sua propaganda sia un po’ esagerata?
Siamo un po’ scettici su alcune scelte anche perché questa città, ma soprattutto i cittadini, avrebbero bisogno, più che annunci propagandistici, di una vera e propria rivoluzione culturale e educazione civica.
Per l’occasione  consigliamo a lei e al presidente Nappi, di fare propria la campagna pubblicitaria lanciata in questi giorni dall’associazione culturale "Opera" invece che spendere, inutilmente, danaro pubblico per suppellettili che saranno puntualmente distrutte.
Il presidente di “Opera”, Gaetano Armenio, presenta la loro campagna partendo dalla consapevolezza che molti nostri concittadini assumono comportamenti tali da rendere difficile la vita in città per mancanza assoluta di senso civico e rispetto del bene comune, e quindi, ben venga il loro primo manifesto "Per strada non fare il pezzo di merda".
Noi ci uniamo al loro messaggio di pubblicità progresso estendendo il concetto a tutti gli ambiti sociali della nostra città e … signor Sindaco, non dimentichi di far spegnere le lampade a basso consumo, altrimenti che risparmio sarebbe.

Annunci