Rifiuti tossici per farne giocattoli. Arrestati big baresi della differenziata


di GIOVANNI LONGO
e MASSIMILIANO SCAGLIARINI –  www.lagazzettadelmezzogiorno.it

I pneumatici da smaltire diventavano usati e venivano trattati come una merce normale. I rifiuti di plastica e gomma, pericolosi, si trasformavano in materia prima per i giocattoli realizzati in Cina. Ha un cuore barese l’associazione per delinquere sgominata l’altroieri dai finanzieri di Taranto, che hanno arrestato 51 persone capaci di far transitare i rifiuti per i porti di mezza Italia, in barba alle dogane e a tutti i controlli, guadagnando migliaia di euro per ogni spedizione.
Sono finiti in manette, tra gli altri, i fratelli Annamaria e Francesco Schino, 50 e 67 anni, della Recuperi Pugliesi di Modugno, una delle più importanti imprese pugliesi del settore.
E poi Emanuele e Arcangelo Amendolagine, 33 e 55 anni, di Bitonto, rispettivamente legale rappresentante e amministratore di fatto della Recuperi Sud.
E ancora, Marco e Nicola Schiavone, 32 e 60 anni, titolari dell’agenzia di spedizioni Aermar e della ditta Duesse di Bari.
Nella lista degli arrestati anche Antonello Tampoia, 41 anni di Turi, dipendente dell’agenzia marittima Sisam di Taranto.
È ancora latitante, invece, Andrea Mongelli, 36 anni, di Modugno, titolare della Tucab: anche per lui, come per la maggioranza delle 54 persone coinvolte (ed accusate a vario titolo di associazione a delinquere finalizzata al traffico internazionale dei rifiuti e di falso ideologico), il gip del tribunale di Lecce, Cinzia Vergine, su richiesta del sostituto Alessio Coccioli della Antimafia di Taranto, ha chiesto l’arresto in carcere. 

Secondo le indagini, la Recuperi Pugliese avrebbe spedito attraverso il porto di Taranto 48 container con 937mila kg di rifiuti speciali: plastica e gomma che venivano inviati a un falso impianto di Hong Kong («Tak Shing»), al cui indirizzo corrispondeva un appartamento. Ma le verifiche hanno accertato che grazie a documenti doganali contraffatti il materiale finiva in Cina, dove veniva lavorato nelle fabbriche di giocattoli e casalinghi. Stesso discorso per la Recuperi Sud, accusata di aver fatto transitare dai porti di Taranto e Napoli 147 container con oltre 3,6 milioni di kg di rifiuti speciali, tra i quali moltissimi (1,4 milioni di kg) erano plastiche agricole: i teloni dei campi. Per mesi i finanzieri hanno ascoltato e pedinato i titolari delle aziende e gli operatori doganali, intercettando i telefoni e anche le e-mail. 

Ed è saltato fuori, ad esempio, che per coprire le enormi quantità di plastica spedite in Estremo Oriente, la Recuperi Sud inviava falsi formulari ad imprese agricole della provincia di Bari. I cui titolari si lamentavano. Accade, ad esempio, a maggio del 2009, quando sul telefono di Arcangelo Amendolagine i finanzieri ascoltano le lamentele di un imprenditore di Noicattaro cui erano arrivati documenti contraffatti: «Io – dice l’uomo – non mi posso mettere in carico materiale che non è assolutamente mio. Io non ho un'azienda agricola. Io ho solo quel terreno, punto. Acquisto i teloni ogni tre anni e li ho in carico. Il resto non è di mia competenza. Mi sono visto arrivare addirittura cinque formulari. Da dove vengono questi?». 

Ma per giustificare il traffico servivano quintali di documenti. E così il gip giudica «eclatante» una telefonata intercettata il 22 gennaio 2010, quando una funzionaria della Coldiretti chiama la figlia di Arcangelo Amendolagine, ancora una volta per lamentarsi. Il problema stavolta è serio: il destinatario del documento fasullo era morto due anni prima.

  1. • La «Recuperi Pugliesi», colosso che fattura sedici milioni
  2. • Le intercettazioni – «A Taranto ci hanno scoperti andiamo a Napoli»
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: