«Tedesco, il capo del gruppo che decideva gli appalti»

 

di GIOVANNI LONGO – www.lagazzettadelmezzogiorno.it

C’è un capo; ci sono i suoi più stretti collaboratori; ci sono manager delle Asl che, nominati grazie a lui, rispondono alle sue indicazioni; ci sono gli imprenditori amici che si aggiudicano gare pilotate riconoscendo come contropartita voti e consenso elettorale. Potrebbero essere questi i punti fermi attorno ai quali si articola la motivazione che ha indotto il Tribunale del Riesame di Bari a ritenere sussistente un’associazione a delinquere che avrebbe agito dal 2005 fino al 2009 per pilotare nomine e appalti nella sanità pugliese e che avrebbe avuto come capo e promotore l’ex assessore regionale alla Salute Alberto Tedesco. 

L’ordinanza, che ribalta la decisione del Gip, è stata deposita ieri. Probabilmente oggi si conosceranno le motivazioni del provvedimento sollecitato dalla Procura e firmato dal presidente Francesca La Malfa e dai giudici a latere Ambrogio Marrone e Annachiara Mastrorilli. Facile ipotizzare che la «filiera» della presunta associazione si basi su quei punti ipotizzati dall’accusa e a questo punto condivisi dal Riesame. 
Un collegio di tre giudici, dunque, ha ribaltato il provvedimento con cui il gip del Tribunale di Bari lo scorso 23 febbraio aveva detto «no» all’associazione a carico di Alberto Tedesco. Il Riesame, accogliendo l’appello della Procura firmato dai pm inquirenti Desireè Digeronimo, Marcello Quercia e Francesco Bretone, ha anche disposto gli arresti domiciliari per Tedesco per la nuova imputazione, sospendendo però l’esecuzione della misura alla eventuale autorizzazione da parte del Senato. 

Il parlamentare ha dieci giorni di tempo per impugnare il provvedimento davanti alla corte di Cassazione. Qualora il provvedimento depositato ieri dovesse diventare definitivo, il Senato sarà chiamato ad esprimersi una seconda volta sulla libertà personale del senatore, già «salvato» il 20 luglio scorso dai suoi colleghi . Per Tedesco la Procura aveva chiesto l’autorizzazione a procedere all’arresto per i soli reati di concussione, abuso d’ufficio, turbativa d’asta e concorso in falso, ma il Senato, tra tante polemiche, aveva votato contro la richiesta. 

Secondo il Riesame sarebbe quindi fondata l’ipotesi della procura sulla progressiva creazione di una sorta di rete che si inizia a tessere con le nomine di direttori generali delle varie Asl di persone ritenute vicine a Tedesco. Dall’Irccs di Castellana Grotte alla Asl di Lecce attorno a Tedesco e all’associazione di cui sarebbe stato al vertice, si sarebbe creato una sorta di gruppo di potere in grado di pilotare numerosi atti pubblici. Un rinnovo dei vertici della aziende (con la nomina di direttori sanitari e amministrativi) orientato in una prospettiva clientelare finalizzata ad ottenere un proprio consenso elettorale o indebite utilità nelle gare pubbliche da parte di imprenditori «amici» di Tedesco. Naturalmente, chi diventava dirigente grazie al capo doveva occuparsi della cosa pubblica in violazione della legge e secondo gli ordini impartiti da Tedesco. C’era Tedesco, «regista» della cabina e in grado di intervenire nelle procedure di nomina e c’era una struttura che seguiva le sue indicazioni. 

Il Riesame si esprime solo su Tedesco, ma nel provvedimento farebbe riferimento anche agli altri presunti componenti della «cabina di regia», alcuni dei quali sarebbero stati inviati da Tedesco in sua vece a fare indebite pressioni e raccomandazioni sui manager della Asl. Le indagini avrebbero dimostrato che la violazione dei principi di legalità non riguardavano solo le nomine dei «primariucci», come emblematicamente definiti in una intercettazione riportata anche nell’ordinanza di custodia cautelare del 23 febbraio, ma investiva direttamente i vertici delle aziende sanitarie. 

Chi manovrava ed assumeva le decisioni era Tedesco, si apprende da fonti giudiziarie, ma poteva farlo soltanto in quanto poteva contare su una struttura di potere pronta ad eseguire quelle indicazioni. Se quella struttura di pubblici funzionari asserviti e disponibili a violare sistematicamente la legge non fosse esistita, Tedesco da solo non avrebbe potuto fare nulla, dall’attribuzione di singoli posti di lavoro all’assegnazione degli appalti.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: