Archivio mensile:febbraio 2008

Lo strano caso della centrale Powerflor

Abbiamo appreso da notizie di stampa (vedi articolo del 18 febbraio 2008 di Lorenzo Pisani su http://www.molfettalive.it) che nello scorso weekend – tra sabato e domenica – è stato effettuato il trasporto di uno dei due motori – ognuno da 369 tonnellate – della centrale elettrica Powerflor in costruzione in Contrada Ciardone sulla strada provinciale Molfetta-Bitonto. Presumiamo che si ripeterà il trasporto del secondo motore in questo fine settimana con le stesse modalità.

Fin qui nulla di strano, ma abbiamo letto anche della mobilitazione di non poche forze dell'ordine per assicurare un trasporto complesso con modalità che non hanno evitato disagi alla circolazione del traffico e ai residenti delle località interessate dal tragitto della "carovana", nonché qualche danno collaterale, fin qui non smentito.

Perché tutto ciò? Forse questo dispiegamento di uomini e mezzi è stato determinato dai timori di azioni dimostrative? Così pure la scelta di effettuare in notturna, nel weekend, questo trasporto?
Questo evento ci conferma qualcosa che da tempo segnaliamo: sembra che a proposito di questo progetto, meno persone sanno, meglio è; meno la città e i cittadini ne sono informati, meglio per tutti?

Così come riteniamo "vergognoso" che il Consiglio Comunale non si sia mai espresso su una petizione firmata dai cittadini, regolarmente depositata e nonostante la scadenza dei 60 giorni dalla presentazione della petizione, con cui si chiedeva un pronunciamento sulla costruzione della centrale elettrica Powerflor del gruppo Ciccolella.

Ma noi non ci rassegniamo al fatto che questioni così sensibili per il territorio e la salute dei cittadini – la costruzione di una megacentrale elettrica -passino sotto silenzio, senza che ci sia un'adeguata informazione e sensibilizzazione sulle ricadute di tale iniziativa privata.

Per questi e altri motivi, saremo a spiegare le nostre ragioni a favore dell´ambiente e della salute contro la centrale Powerflor, presso Corso Umberto, altezza Galleria Patrioti Molfettesi in questo weekend, sabato sera nonché domenica mattina e sera. Tutta la cittadinanza è invitata.

Annunci

Powerflor, completato il trasporto del primo motore

di Lorenzo Pisani (molfettalive.it)


«Non si può proseguire a causa di un problema al passaggio a livello» dichiara l’agente di Polizia.

Il “problema” è un motore Wärtsilä da 369 tonnellate bloccato sui binari di un passaggio a livello di Santo Spirito, lì dove l’asfalto incontra le rotaie.

Non si può proseguire e allora retromarcia ma non dietrofront, la ricerca del motore scomparso non finisce qui. Sembra il titolo di un romanzo giallo; è la realtà della centrale Powerflor.

Per comprendere cosa ci faccia un motore diesel endotermico a combustione interna di derivazione navale dalla potenza di 17.076 KW, dalle dimensioni di 14 x 5,5 x 5 metri e dal peso di 369 tonnellate in una stradina della piccola frazione barese alle due di notte, bisogna tornare indietro di un giorno, più precisamente alle ore 4.30 di sabato, quando il convoglio con il mastodontico carico esce dal porto di Molfetta diretto al centrale in Contrada Ciardone.

Strano ma vero, complice l’orario e la conseguente assenza di passanti, del carico si erano perse le tracce. Né le Forze dell’Ordine, né il Gruppo Ciccolella avevano voluto rivelare l’esatta ubicazione, temendo la protesta del Comitato NO Centrali, contrario al progetto della centrale termoelettrica alimentata a biomasse liquide.

La misteriosa tappa intermedia si era resa necessaria per la complessità del trasporto. Le dimensioni e il peso avevano sconsigliato di giungere a destinazione mediante le strade locali: i diversi ponti e Via Madonna della Rosa non avrebbero potuto sopportare il carico.

Dove era stato depositato? Quando sarebbe stato condotto in centrale?

Difficile occultare un motore di quelle dimensioni, specialmente se poi lo si “parcheggia” sul lungomare di Santo Spirito. Sul telo blu la dicitura “Wärtsilä” e il codice non lasciano dubbi.
Di lì allo svincolo della S.S. 16 Bis la distanza è breve e soprattutto lineare: basta attraversare pochi ostacoli.

Alla mezzanotte di sabato il convoglio si mette in marcia con una scorta degna della visita di un Capo di Stato. Pattuglie di Polizia bloccano le strade, automezzi di servizio precedono e seguono il rimorchio trainato da due motrici posizionate agli estremi: la tranquilla cittadina vive una delle sue serate più movimentate. Nelle strade è tutto un lampeggiare.

Il timore di azioni dimostrative è forte. E’ assolutamente vietato accedere alla zona, persino a piedi, persino ai residenti che vogliano tornare a casa.

Giunta al passaggio a livello nei pressi della stazione, la carovana si ferma. E’ necessario innalzare i cavi dell’alta tensione ferroviari e per farlo si mette al lavoro una squadra di tecnici alla luce delle fotoelettriche. Il tutto dura più di un’ora.

Superata la prima prova, l’automezzo pesante si dirige verso lo svincolo che s’immette sulla 16 Bis. L’andatura è lenta, lentissima ma inesorabile. Cespugli, rami, pezzi di muretti: il gigante non conosce ostacoli e lascia dietro di sé una scia di residui.

Il secondo momento critico è rappresentato dal cartellone stradale dello svincolo. Pare non ci sia la possibilità di andare oltre, ma si decide di proseguire forzando l’ostacolo. Passano lunghissimi minuti durante i quali si aspetta il botto, invece il cartellone si piega ma non si spezza. E’ fatta.

Subito dopo, la terza sosta.

Gli automezzi vengono spenti, comincia il viavai di pattuglie e di una jeep nera che supervisiona le operazioni. Lo svincolo è meno di cento metri, ma tutto tace. Arrivano anche i Vigili del Fuoco.

La soluzione dell’enigma si trova sulla 16 bis. La Polizia e gli operai stanno riservando in ciascuno dei sensi di marcia una corsia per il convoglio. La spiegazione è semplice: gli automezzi per dirigersi verso l’uscita di Bitonto faranno il cosiddetto “salto di carreggiata” per poi procedere controsenso, evitando così di percorrere la tortuosa complanare.

Il guard rail viene tagliato per poi essere risaldato al termine del passaggio.

Passano le ore. Alle 9.30 finalmente il 18V46 è in centrale, non prima di aver incontrato altri ostacoli. Un muretto a secco impedisce di svoltare? Presto detto: a terra.

Più di nove ore di cammino, lavori sul tracciato elettrico della ferrovia, sulla strada statale, un impegno straordinario delle Forze dell’Ordine visibilmente provate, disagi per i residenti e per gli automobilisti nonostante la tarda ora.

Sorgono alcuni interrogativi. E’ un caso che il trasporto sia avvenuto in un periodo di vuoto di potere (sono passati pochi giorni dalle dimissioni del Sindaco)? Le operazioni sulla ferrovia e sulla strada non potevano essere effettuate con una tempistica che avrebbe evitato lunghe pause? Perché le Forze dell’Ordine hanno taciuto il vero motivo dei disagi? E’ consentito vietare il transito a pedoni e curiosi?

Appuntamento per le risposte al trasporto del secondo motore, ancora presente sulla banchina del molo. Svanito l’effetto sorpresa, l’unico mistero riguarderà la data.

Clic QUI per le altre immagini

Il Sindaco Azzollini chiude in "bellezza"

Il sindaco–senatore si licenzia dalla città, in compagnia dell’immagine del Pastore Martella, suo inseparabile compagno di viaggio, attraverso le demagogiche inaugurazioni di chiese e dubbie opere pubbliche. Ma la benedizione del nostro Vescovo non servirà ad assolvere il nostro Sindaco Azzollini.

Oltre le tante responsabilità per una cattiva amministrazione della cosa pubblica, come ultimo atto della sua poco trasparente gestione, il Sindaco ha ignorato una petizione popolare con cui, il “Comitato No Centrali”, chiedeva dai primi di dicembre 2007 di discutere in Consiglio Comunale della costruenda centrale termoelettrica POWERFLOR.

Si chiedeva anche di interrompere i lavori per verificare che le procedure adottate, per il rilascio dell’autorizzazione, fossero regolari.

Abbiamo conosciuto in questi anni l’idea di trasparenza amministrativa della giunta Azzollini e della falsa partecipazione riservata ai cittadini alla gestione della cosa pubblica attraverso uno Statuto Comunale svuotato dei suoi principi di democrazia partecipativa; ma non possiamo tollerare la grave omissione messa in atto dal Sindaco Azzollini e dal Presidente Camporeale, per non aver portato in Consiglio Comunale dopo 60 giorni dal deposito, la petizione contro la centrale Powerflor.

Ancor più grave è il silenzio sulle responsabilità che molti hanno nell’aver permesso la costruzione di una centrale elettrica in una zona agricola, come tanti abusi a cui questa classe politica ci ha ormai abituati.

Ma le responsabilità per aver permesso la costruzione della centrale Powerflor non le addebitiamo solo al centro destra, ma al silenzio assenso di una inesistente opposizione in consiglio comunale, che non si è mai pronunciata sulla Powerflor e comunque sulla costruzione di altre centrali sul nostro territorio.

Pertanto invitiamo ad una mobilitazione di massa permanente di tutti i cittadini per dire “NO alla centrale Powerflor”

Annunci